Home

Oggi viviamo la logica conseguenza dell’assurdità ultraliberale che, volendo affrancare l’individuo da ogni legame collettivo, è riuscita solo a creare un nano impaurito e inquieto, che cerca la sicurezza nella deificazione e nell’accumulo del denaro”

Questo scriveva E. Todd alcuni anni fa nel suo libro l’illusione economica.

Ma ora che l’illusione economica è svanita e la povertà è palpabile e  sotto i nostri occhi, ora che la ricchezza appare sempre più come un miraggio e viene spesso carpita con metodi illeciti, ora che abbiamo distrutto quanto di buono e bello c’era nella nostra società, ora che abbiamo smarrito il desiderio di fratellanza e di appartenenza alla comunità, come faremo a ritrovare quei valori che hanno fatto unica la nostra storia recente?

Abbiamo continuato ad importare dagli altri Paesi quanto di peggio c’era nel loro sistema ultra liberale per il quale privato è comunque, senza eccezioni di sorta, meglio di pubblico,  abbiamo anche noi come loro abbracciato la fanatica ed insensata teoria che il mercato si regola da solo senza alcun intervento degli Stati, abbiamo delegittimato il potere sacrosanto dei nostri governi democraticamente eletti, viviamo ricattati da istituzioni finanziarie mosse da sconosciuti e potenti burattinai ai quali l’intero pianeta deve sottostare.

Questo è un Magazine di denuncia e di critica del sistema perverso che ci stringe il collo e ci sta lentamente soffocando, ma vuole anche essere un laboratorio di idee e di nuovi stimoli per invertire la rotta.

Per questo invito tutti coloro che visitano questo sito ad intervenire e commentare gli articoli postati, che spesso sono intenzionalmente provocatori.

Dal successo di questo Magazine dipenderà anche la nostra speranza che non tutto è perduto, che un sussulto d’orgoglio è ancora possibile!

Lascia un commento